Blog

Sistema d’allarme con controllo remoto tramite App

Impianto di antifurto casa gestito da remoto con Alien Mobile per sistemi Android, Apple e Windows Phone.

Queste le funzioni gestibili da remoto:
  • Conoscere lo stato del tuo sistema di allarme casa
  • Accendere e spegnere l’impianto di antifurto totalmente o a gruppi
  • Consultare la memoria degli eventi del sistema d’allarme
  • Disattivare/attivare temporaneamente un dispositivo del tuo impianto
  • Comandare e gestire le luci
  • Comandare gli automatismi: cancelli, porte, tapparelle …
https://www.youtube.com/watch?v=vpeGVaOupsU

TERMOSTATO GESTIBILE DA APP

Con Smarther, il nuovo termostato connesso, basta un semplice tocco sul dispositivo per attivare riscaldamento o raffrescamento e modificare la temperatura. Tramite la App Thermostat e lo smartphone puoi invece creare in modo semplice i programmi per avere un livello di gestione del clima domestico più smart, anche quando sei lontano da casa. Guarda il video https://www.youtube.com/watch?v=6qb1U9tfUus

CAVI ELETTRICI: OBBLIGO MARCATURA CE REGOLAMENTO CPR DAL 1° LUGLIO 2017

Con la pubblicazione della norma EN 50575, nell'elenco delle norme armonizzate per il Regolamento CPR 305/2011, Com. 2016/C 209/03, anche i cavi elettrici, soggetti già a marcatura CE per la Direttiva Bassa Tensione 2014/35/UE, dovranno essere marcati CE anche ai sensi del Regolamento CPR. La Commissione Europea, all’interno delle caratteristiche considerate rilevanti ai fini della sicurezza delle costruzioni (7 requisiti*), ha deciso di considerare per i cavi la Reazione e la Resistenza al Fuoco, riconoscendo l’importanza del loro comportamento ed il loro ruolo in caso di incendio. Il Regolamento Prodotti da Costruzione (CPR) è in vigore per tutti gli Stati dell’UE dal 1° Luglio 2013, nella Comunicazione della Commissione 2016/C 209/03 del 10 Giugno 2016, le tempistiche sono: Data di entrata in vigore della norma in quanto norma armonizzata: 10.6.2016 Data di scadenza del periodo di coesistenza: 1.7.2017 Dal 10 Giugno 2016, gli Organismi di certificazione potranno essere notificati (diventando Organismi Notificati) e successivamente potranno rilasciare i certificati di Costanza delle Prestazione o effettuare i test di laboratorio per consentire l’apposizione della marcatura CE e l’emissione della Dichiarazione di Prestazione (DoP). Fino al 1° Luglio 2017, sussisterà un periodo di coesistenza, durante il quale produttori e importatori potranno immettere sul mercato indifferentemente cavi che rispettano o meno il Regolamento CPR. Dopo questo periodo (1 anno) la marcatura CE e la Dichiarazione di Performance saranno obbligatorie per tutti i cavi per costruzione immessi sul mercato, anche nel caso non esistano ancora le prescrizioni in merito al loro utilizzo da parte delle autorità italiane. Dopo il 1° Luglio 2017: I cavi non marcati CE potranno comunque essere utilizzati: - in applicazioni differenti da edifici ed opere di ingegneria civile; - al di fuori dell’Unione Europea (export). EN 50575:2014  Cavi di energia, comando e comunicazioni  Cavi per applicazioni generali nei lavori di costruzione soggetti a prescrizioni di reazione al fuoco In allegato all'articolo la Guida AICE sulla marcatura CE dei cavi: I CAVI E IL REGOLAMENTO PRODOTTI DA COSTRUZIONE - CPR UE 305/11: Raccomandazioni dell’Industria Italiana di Cavi e Conduttori Elettrici Anche il rilascio di sostanze nocive è tra le prestazioni ritenute rilevanti per i cavi, nonostante al momento non siano stati stabiliti livelli minimi prestazionali in quanto i cavi nel loro normale utilizzo non rilasciano sostanze nocive. I cavi sono classificati in 7 classi di Reazione al Fuoco: - Aca, - B1ca, - B2ca, - Cca, - Dca, - Eca, - Fca identificate dal pedice “ca” (cable) in funzione delle loro prestazioni decrescenti. Ogni classe prevede soglie minime per il rilascio di calore e la propagazione della fiamma. Oltre a questa classificazione principale, le autorità europee hanno regolamentato anche l’uso dei seguenti parametri aggiuntivi: a = acidità che definisce la pericolosità dei fumi per le persone e la corrosività per le cose. Varia da a1 a a3 s = opacità dei fumi. Varia da s1 a s3 d = gocciolamento di particelle incandescenti che possono propagare l’incendio. Varia da d0 a d2. Rimangono esclusi al momento dalla classificazione di comportamento al fuoco i cavi Resistenti al Fuoco in quanto le norme per questa gamma di prodotti sono ancora in fase di elaborazione. È compito degli Stati Membri definire la classe di reazione al fuoco relativa all’ambiente di installazione. ..segue * I 7 requisiti di base delle opere di costruzione per una durata di servizio economicamente adeguata sono relativi a: 1) resistenza meccanica e stabilità 2) sicurezza in caso di incendio 3) igiene, salute e ambiente 4) sicurezza e accessibilità nell’uso 5) protezione contro il rumore 6) risparmio energetico e ritenzione del calore 7) uso sostenibile delle risorse naturali

UN SALVAVITA INTELLIGENTE E SICURO

È capitato anche a voi, tornando da una vacanza, di ritrovare tutto avariato nel frigo e tutto scongelato nel freezer? Con il Salvavita Stop&Go non capiterà più. Dopo aver svolto la funzione di salvavita staccando la corrente, questo dispositivo la riattiverà automaticamente. E vi eviterà tutti quegli inconvenienti causati da una mancanza di corrente per un lungo periodo di tempo. Così, con una spesa modesta, il tuo impianto funzionerà meglio e andrai in vacanza anche molto più sereno. Facile da installare non necessita di opere murarie o altro, si colloca direttamente nel vostro quadretto elettrico.

10 Motivi per passare al LED

Oggi sempre più spesso si sente parlare di risparmio energetico, del bisogno di ridurre gli sprechi e di abbassare quindi i consumi energetici, per questo l’illuminazione a LED sta riscuotendo un sempre crescente interesse tra la gente e i motivi di questo successo sono molti, e vanno molto oltre al semplice risparmio energetico, vediamo allora quali sono i 10 motivi per cui conviene passare al LED da oggi.
  1. Consumi bassissimi: una lampada a LED consuma in media un 70-80% in meno di una equivalente a incandescenza e un 40-50% in meno rispetto alle lampade a risparmio;
  2. Lunga durata di vita: la vita media di lampade a LED di qualità varia dalle 35.000 alle 50.000 ore, contro 2.000 – 6.000 ore delle lampade alogene e 10.000 – 12.000 delle lampade a risparmio;
  3. Non inquinano: le lampade a LED non contengono alcun tipo di elemento tossico o dannoso per l’ambiente o per l’uomo, a differenza delle lampade a risparmio che contengono mercurio, molto tossico ed estremamente dannoso per l’ambiente e per il corpo umano;
  4. Non scaldano: a quanti di voi è capitato di scottarsi andando a sostituire o a toccare una lampada tradizionale? Ebbene con il LED non correrete più questo rischio, infatti i corpi illuminanti a LED non scaldano e non sprecano inutile energia nella produzione di calore, ma si concentrano a fare esclusivamente il loro lavoro, ovvero emettere più luce possibile;
  5. Non emettono raggia UV e non creano campi magnetici dannosi per la salute;
  6. I prodotti a LED sono molto versatili dal punto di vista dell’estetica e del design, lo conferma il fatto che nascono di continuo nuovi corpi illuminanti dalle forme strane e moderne;
  7. Alta qualità della luce emessa sia nel colore bianco freddo che nel bianco caldo e alta resa cromatica;
  8. Niente più fastidiosi sfarfallamenti e luce inizialmente fioca, ma luce continua e al massimo dell’intensità fin da subito;
  9. Alta resistenza a urti e cadute, a differenza delle lampade a filamento e anche di quelle a risparmio il LED non teme le cadute anche se è sempre bene evitare di far cadere le proprie lampade;
  10. Non soffrono le accensioni ripetute: il LED a differenza di tutte le altre fonti luminose non soffre le accensioni ripetute e la vita di una lampade a LED non risente di questo fattore                                                                                                                                                                                                Dopo questi 10 buoni motivi per passare al LED mi sento di poter affermare che sicuramente il LED sarà la luce del futuro, quindi perché aspettare, la tecnologia LED conviene già adesso!

L’IMPORTANZA DI VIDEO SORVEGLIARE CASA A DISTANZA

Con l'avvicinarsi dell'estate arriva il momento di fare le valigie e partire. Prima però, occorre pianificare un sistema di videosorveglianza in grado di controllare casa, ad esempio attraverso l'utilizzo combinato di telecamere e smartphone. Una buona rete di monitoraggio a distanza assicura una partenza serena e riduce al minimo il rischio di tornare e trovare brutte sorprese. Con un investimento mirato è possibile organizzare un sistema difensivo facile da controllare. Anche in vacanza. Il punto essenziale è la possibilità di accedere in diretta alle immagini trasmesse dalle telecamere: per questo serve una connessione Internet e un computer portatile, o se preferite un telefonino o magari un tablet. Collegandosi all'apposito indirizzo IP, si avrà accesso al video dell'abitazione, con un occhio al giardino piuttosto che alla sala da pranzo, a seconda di dove sono installate le telecamere. L'epoca in cui si chiedeva al vicino di controllare casa sembra tramontato per sempre: con il crescere dei furti, conviene affidarsi a sistemi di ripresa automatici e moderni, in grado di aumentare la sicurezza in qualunque contesto abitativo.